Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Giappone, al via i negoziati per accordo Onu

Ministri di tutto il mondo riuniti per la Biodiversità


Ministri di tutto il mondo riuniti per la Biodiversità
27/10/2010, 09:10

NAGOYA - I ministri di tutto il mondo si riuniscono oggi in Giappone per dare il via agli ultimi negoziati e stipulare un accordo Onu per salvaguardare la natura.
Intanto la Banca Mondiale ha lanciato un appello per la valutazione del patrimonio ambientale rappresentato da oceani, foreste e fiumi considerati benefici per l'economia ed il benessere umano.
L'obiettivo dell'incontro è fissare i nuovi standard affinchè dal 2020 sia possibile contrastare l'estinzione di specie animali e vegetali. "La produttività della terra e dei mari sta diminuendo, e con loro i servizi degli ecosistemi che sono cruciali per far uscire le persone dalla povertà. Le specie minacciate stanno scomparendo per sempre davanti ai nostri occhi" , ha detto Robert Zoellick, numero uno della Banca Mondiale, all'apertura della conferenza.
Secondo Zoellick i ministeri delle Finanze e le aziende non devono dimenticare quanto sia importante la natura, produttrice di cibo e medicine e fondamentale per il turismo e l'industria. Alcune nazioni in via di sviluppo chiedono che il fondo previsto per la biodiversità di circa tre miliardi di dollari l'anno venga centuplicato. Due miliardi di dollari sono stati offerti dal Giappone per tre anni e non ci sono ancora notizie certe sull'eventuale partecipazione dell'Europa agli sforzi.
Gli Stati Uniti avranno ruolo soltanto di osservatori nel corso dei colloqui in quanto non hanno ratificato la Convenzione sulla Diversità Biologica. Anche i paesi poveri annunciano che non firmeranno l'accordo sugli obiettivi per il 2020 senza maggiori fondi ed un ulteriore accordo su un nuovo protocollo Onu. Vogliono che gli venga assegnata una parte più equa degli profitti da alcune aziende come le case farmaceutiche, le quali per la produzione di medicine usano le loro risorse.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©