Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il processo iniziato ieri all’Aja è stato sospeso

Mladic si applaude durante filmato mostrato dall’accusa

Brammerts: “avrà un processo equo e corretto

Mladic si applaude durante filmato mostrato dall’accusa
17/05/2012, 20:05

BRUXELLES  -   Nel corso della requisitoria iniziale del processo di Ratko Mladic, davanti al Tribunale penale internazionale dell’Aja, l’ex generale serbo si è applaudito rivedendosi in un filmato del luglio 1995 a Srebrenica mostrato dall’accusa.
Nel filmato si vedeva l’ex generale che urlava contro il colonnello Thom Karremans, capo dei 600 “caschi blu” olandesi che avrebbero dovuto proteggere la città a maggioranza musulmana. Ma il 16 luglio gli olandesi si ritirarono e le forze di Mladic uccisero  più di 8.000 uomini e bambini in cinque giorni.
Al momento, il processo contro Madlic è stato sospeso e come ha detto il giudice Alphons Orie “L’udienza è aggiornata sine die”. Anche l’appuntamento, dove era prevista la comparsa dei primi testimoni, stabilito per il  29 maggio, è saltato.
Nel corso della giornata di ieri all’Aja, la corte aveva riconosciuto un errore nella trasmissione di alcuni documenti da parte dell’accusa alla difesa.
Serge Brammertz, Il procuratore capo del Tpi dell'Aja, si è detto certo che Ratko Mladic avrà un processo equo e corretto. Lo stesso ha poi dichiarato all’emittente privata serba B92 che le prove dell'accusa dimostreranno le pesanti responsabilità dell'ex generale, capo delle forze serbo-bosniache. "Si tratta di un processo molto importante poiché la giustizia ritiene Mladic, quale comandante dei serbi di Bosnia, e Radovan Karadzic, quale architetto della politica di pulizia etnica, esponenti dello stesso progetto criminale", ha affermato Brammertz.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©