Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

In carcere dopo una condanna, nel 2009, a 11 anni

Mo Yan, Nobel letteratura, chiede liberazione di Liu Xiaobo


Mo Yan, Nobel letteratura, chiede liberazione di Liu Xiaobo
12/10/2012, 10:58

PECHINO –  Il cinese, Mo Yan (nella foto), Premio Nobel per la letteratura,  fa appello per la liberazione "il piu' presto possibile" del premio Nobel per la pace 2010 il connazionale Liu Xiaobo. "Spero che possa riacquistare presto, quanto prima possibile, la sua libertà", ha detto Mo Yan, insignito ieri del Premio. Liu Xiaobo, Nobel per la pace nel 2010, è in carcere in Cina dopo una condanna, nel 2009, a 11 anni di carcere per "sovversione", per aver scritto un testo in favore dell'instaurazione della democrazia in Cina. Ma è dura  la critica dei dissidenti cinesi per il conferimento del Nobel alla letteratura all'autore cinese Mo Yan. Secondo questi utlimi, riferisce il South China Morning Post, per il dissidente Wei Jingsheng, che vive ormai da anni in esilio negli Stati Uniti, si sarebbe trattato di una "mossa fatta esclusivamente per compiacere il governo di Pechino". Aggiungendo che la Cina ha molti altri scrittori di talento, Wei ha affermato che la Commissione per il Nobel "ha scelto Mo Yan perché la sua elezione fosse più tollerata dal regime comunista".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©