Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Un portatile "sospetto" genera il caso al terminale 2

Monaco: allarme bomba all'aeroporto, è caccia all'uomo


Monaco: allarme bomba all'aeroporto, è caccia all'uomo
20/01/2010, 19:01

MONACO - Terminale 2 dello scalo dell'aereoporto di Monaco completamente chiuso, enormi disagi per i viaggiatori e migliaia di polizziotti impegnati in un'autentica caccia all'uomo. Per ora il caos sembra totale, le notizie frammentarie ed in taluni punti addirittura contrastanti. 12 voli nazionali ed internazionali cancellati e la polizia aeroportuale in bambola dimostrano il clima di incredibile tensione che si vive in tutto il mondo. Secondo il racconto di inquirenti e testimoni, l'episodio sospetto si sarebbe verificato oggi pomeriggio verso le 15:40.
 Ad un controllo di sicurezza il portatile di un uomo sarebbe risultato positivo al test per scovare eventuali esplosivi. Attimi di indecisione con il proprietario del pc che, ad un tratto, ha afferrato il suo pc strappandolo dalla mano di un agente che lo stava esaminando ed è corso verso i cancelli d'imbarco.
Ad una prima analisi sembrerebbe il classico atteggiamento del terrorista colto con le mani nel sacco che tenta disperatamente di terminare la sua "missione".
Come precisano le autorità, però, l'allarme bomba potrebbe essere stato causato anche dalla presenza di un liquido chimico inoffensivo (ad es. un profumo) contenuto nalla borsa del portatile, la reazione dell'uomo e la sua apparente fuga, sarebbero ricollegabili alla volontà di quest'ultimo di raggiungere la zona d'imbarco prima di perdere il volo. Contrastanti sono anche le versioni riguardo chi avrebbe al momento il laptop. Per L'agenzia tedesca Dpa, ad esempio, il computer è nelle mani della polizia che lo starebbe esaminando.
 Peccato che proprio un portavoce delle forze dell'ordine, citato tra l'altro da France Prsse, abbia sostenuto la tesi che l'ogetto sospetto sia stato letteralmente strappato via dalle mani degli agenti. Intanto, il secondo aeroporto più importante della Germania dopo Francoforte, pare essere stato preso totalmente alla sprovvista.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©

Correlati