Dal mondo / America

Commenta Stampa

Aveva 86 anni ed era da tempo malato

Morto il principe ereditario saudita Abdul Aziz


Morto il principe ereditario saudita Abdul Aziz
22/10/2011, 09:10

WASHINGTON – Era da tempo assente dal suo paese,  Khalid bin Sultan bin Abdul Aziz al-Saud, principe ereditario saudia. In cura da giugno scorso negli Stati Uniti  è morto all’età di 86 anni. Nel mese di luglio aveva subito un nuovo intervento chirurgico. La malattia, un tumore al colon, gli era stata diagnosticata nel 2004, in conseguenza del quale fu costretto a molteplici interventi chirurgici. Dal 1962 era  ministro della Difesa e dell'Aviazione e fu un grande  sostenitore dell'alleanza tra il suo Paese e gli Stati Uniti, si deve a lui la modernizzazione delle Forze Armate, anche attraverso massicci acquisti di armamenti da Washington. Ma la sua fama fu spesso  offuscata a causa del coinvolgimento in diversi scandali , tra cui Al-Yamamah.

LO SCANDALO AL-YAMAMAH
- Fu definito "l'affare del secolo” ed è ancora oggi  la più grande vendita di armi mai realizzata fra due Stati.   Una gigantesca tangente di 12 milioni di sterline su un colossale contratto da 40 miliardi di sterline per la vendita di armamenti britannici all'Arabia Saudita da parte della British Aerospace prima e della BAE Systems poi. Al-Yamamah, tradotto in italiano, significa  Colomba della pace.

L’ANNUNCIO DELLA MORTE  - "Con profondo dolore e tristezza il Custode delle Due Sante Moschee, re Abdullah bin Abdul-Aziz al-Saud, piange il decesso di suo fratello e principe della Corona, Sultan", recita una nota ufficiale, spiegando che il principe "è spirato oggi all'alba fuori dal Regno, in seguito a infermità". In memoria dello scomparso, oggi stesso un'orazione funebre sarà celebrata nella moschea intitolata all'imam Turki bin Abdullah bin Mohammed, nella capitale saudita. I funerali si terranno invece martedì dopo il rimpatrio della salma. Erede al trono diverrà adesso il 78enne principe Nayef, anch'egli fratellastro del monarca e attuale ministro dell'Interno.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©