Dal mondo / America

Commenta Stampa

Un ictus è arrivato dove la giustizia umana ha fallito

Morto l'ammiraglio Massera, piduista e torturatore per i militari argentini


Morto l'ammiraglio Massera, piduista e torturatore per i militari argentini
09/11/2010, 10:11

BUENOS AIRES - All'età di 85 anni è morto a Buenos Aires Emiliano Eduardo Massera (nella foto a sinistra, insieme con Videla - al centro - e con Agosti), ex ammiraglio della Marina argentina ed uno dei membri del golpe militare che nel 1976 rovesciò il governo di Isabelita Peron, insieme a Jorge Rafael Videla, Leopoldo Galtieri e Orlando Ramón Agosti. Era il responsabile della "Scuola di meccanica della Marina", nome dietro cui si nascondeva una sede dove venivano esercitate le peggiori torture sui dissidenti, ed oltre 4000 persone vennero uccise.
Dopo la caduta del governo dei militari, nel 1985 Massera fu condannato per violazione dei diritti umani ma nel 1990 potè godere della grazia decisa dal Presidente Menem. Nel 1998 venne accusato del rapimento di centinaia di bambini, i figli dei desparecidos uccisi dal regime che lui guidava; ma il processo non si è mai completato. Era sotto processo, in contumacia, anche in Italia, con l'accusa di concorso in omicidio, aggravato dalla crudeltà, di tre cittadini italiani, finiti tra i desparecidos: Giovanni e Susanna Pegoraro e Angela Maria Aieta.
Ma il suo nome - cosa alquanto significativa - era anche negli elenchi dei membri della loggia massonica P2

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©