Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'uomo è stato trovato morto nella sua residenza inglese

Morto l'oligarca russo Boris Berezovski

Ancora ignote le cause del decesso. Probabile il suicidio

Morto l'oligarca russo Boris Berezovski
24/03/2013, 11:56

ASCOT (INGHILTERRA) - E' stato trovato morto ieri, nella sua abitazione in Inghilterra, dove si trovava in esilio dal 2000, Boris Berezovski, controverso oligarca e uomo d'affari russo da anni considerato come il nemico numero uno di Vladimir Putin. Uno dei protagonisti della transizione dal comunismo sovietico al capitalismo post-sovietico, il primo russo ad entrare nella lista dei 100 uomini più ricchi al mondo, ex eminenza grigia del Cremlino, Boris Berezovski, 67 anni, è stato trovato morto nel bagno della sua residenza vicino ad Ascot, Surrey, nel sud dell'Inghilterra. Le cause del decesso ancora non sono chiare e la polizia sta svolgendo indagini a tutto campo.

Secondo Aleksandr Dobrovinski, uno dei suoi legali, Berezovski si sarebbe suicidato. A supporto di questa tesi c'è anche l'esito negativo di alcuni accertamenti preliminari condotti da reparti speciali della polizia scientifica britannica nell'abitazione dell'oligarca russo. Nella villa di Berezovski, infatti, non sono stati ritrovati agenti chimici, biologici o radioattivi, che avrebbero fatto pensare ad un assassinio. Pare, inoltre, che l'uomo fosse da tempo in depressione, anche a causa di problemi economici, e che avesse addirittura chiesto perdono a Putin per gli errori commessi in passato, manifestando il desiderio di tornare in patria prima di morire.

Nonostante tutto sembri confermare l'ipotesi del suicidio, la polizia britannica non si sbilancia e prosegue le indagini.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©