Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

MOSCA: NIENTE CESSATE IL FUOCO IN GEORGIA


MOSCA: NIENTE CESSATE IL FUOCO IN GEORGIA
11/08/2008, 14:08

Il governo russo ha ufficialmente rifiutato il "cessate il fuoco" proposto dai mediatori europei (il Ministro degli Esteri francese Khoucher per l'Unione Europea e quello finlandese Stubb per l'OCSE) e già accettato dal presidente georgiano Saakashvili. La motivazione ufficiale risiede nel fatto che, secondo il portavoce del Cremlino, la Georgia continua ad avere forze militari in Ossetia del Sud e questo "impedisce di tenere conto di questo documento", riferendosi alla proposta di "cessate il fuoco". In realtà, tra Ossetia del Sud e Abkhazia ci sono più militari russi che l'intero esercito georgiano. E l'esercito russo ci ha impiegato quasi 50 anni per andarsene dai Paesi dell'Est Europa. Tradizionalmente non è che ami invadere un Paese per poi andarsene facilmente.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©