Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

MOSCA: SOSPESA COOPERAZIONE MILITARE CON LA NATO


MOSCA: SOSPESA COOPERAZIONE MILITARE CON LA NATO
22/08/2008, 08:08

Tensioni sempre più forti nei rapporti tra Russia e Nato.

Mosca lo aveva già annunciato all'indomani del vertice dei ministri degli esteri della Nato e ora lo ha formalmente comunicato ai vertici dell'Alleanza atlantica: per il momento sono sospese tutte le attività di cooperazione militare. A darne notizia è la stessa Nato, che per ora si limita a "prendere atto" della decisione presa dal Cremlino. Decisione che mette a rischio anche l'accordo raggiunto a Bucarest lo scorso aprile, col quale la Russia concede l'uso del proprio territorio come rotta alternativa verso l'Afghanistan per i rifornimenti diretti alla missione Isaf. 

Il programma di cooperazione tra Russia e Nato - ha ricordato ricordato la portavoce dell'alleanza atlantica Carmer Romero - prevede tutta una serie di azioni comuni: esercitazioni terrestri e navali, ricerca e salvataggio in mare, emergenze civili, collaborazione logistica, scientifica e accademica. Ma anche lotta al terrorismo, gestione delle crisi, cooperazione contro la proliferazione delle armi di distruzione di massa, controllo degli armamenti. Per il momento però è difficile capire in cosa di fatto si concretizzerà la decisione di Mosca.

Per quel che riguarda la possibilità di transitare per il territorio russo verso l'Afghanistan, la portavoce della Nato ha spiegato che è presto per dire se la decisione del Cremlino riguarderà anche l'accordo raggiunto a Bucarest nell'aprile scorso. Romero ha comunque sottolineato come tale intesa non sia ancora entrata in vigore e come per rifornire la missione Isaf in Afghanistan siano sufficienti le rotte finora utilizzate, come quella via Kuwait o via Qatar.

Intanto il dipartimento di Stato americano ha definito "deplorevole" la decisione della Russia di sospendere la cooperazione militare con la Nato. Anche se dal ranch presidenziale di Crawford, in Texas, il portavoce della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, Gordon Johndroe, ha sottolineato come "nelle circostanze attuali sia molto difficile immaginare un impegno degli Stati Uniti sul fronte della cooperazione militare con Mosca. Almeno fino a che la situazione in Georgia non sarà risolta".

Commenta Stampa
di Serena Grassia
Riproduzione riservata ©