Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Dopo essere stato trovato dalla moglie a letto con un' altra

Muore il campione olimpico incarica di maratona, lanciandosi dal balcone

La polizia indaga sul suicidio

Muore il campione olimpico incarica di maratona, lanciandosi dal balcone
16/05/2011, 10:05

NAIROBI (KENYA) - La notizia è arrivata questa mattina presto, e in pochissime ore ha scosso l'intero mondo dello sport e la popolazione del Kenya.
Il campione incarica olimpico della maratona, conosciuto al mondo come il 'ragazzo prodigio', Samuel Wanjiru, si è spento nella notte tra domenica e lunedì, a seguito di una caduta dal secondo piano della sua abitazione a Nyahururu, nell'est del Kenya.
A dare l'annuncio del triste evento è stata la polizia: ''È caduto dal balcone della sua casa dopo una discussione con la moglie. L'abbiamo ritrovato steso sulla veranda. Aveva il cranio fracassato – osservando e precisando - non possiamo affermare se si è suicidato o se è caduto accidentalmente''.
Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la moglie di Wanjiru, Triza Njeri, rientrando a casa aveva trovato il giovane a letto con un'altra donna, e allora aveva deciso di chiuderlo a chiave nella camera da letto.

Il ragazzo o per uscire dalla stanza o stanco delle continue discussioni con la moglie, si è lanciato dal 2° piano.
I litigi tra i due coniugi erano frequenti, infatti nel dicembre del 2010, il maratoneta aveva minacciato di morte la moglie, con un fucile AK47 detenuto illegalmente.
Wanjiru aveva raggiunto la fama mondiale, quando divenne il primo campione del Kenya di maratona olimpica ai Giochi di Pechino nel 2008 e anche per essere stato il più giovane corridore ad aver vinto quattro maratone di primo piano (Pechino 2008, Londra 2009 e Chicago 2009, 2010).
In Kenya era considerato un eroe sportivo, e l'organo di governo atletico, ha detto che il Paese ha perso un grande atleta:
"Ha lasciato un vuoto che sarà difficile colmare", ha detto Davod Okeyo, il segretario generale della Athletics Kenya.

 


 

 


 

 

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©