Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Firmati tutti i documenti, ma non è ancora libera

Myanmar: a breve la liberazione di Aung San Suu Kyi


Myanmar: a breve la liberazione di Aung San Suu Kyi
12/11/2010, 15:11

RANGOON (MYANMAR) - Sembra essere tutto pronto per la liberazione della leader birmana Aung San Suu Kyi, che ha passato in prigione 15 degli ultimi 21 anni, cioè da quando vinse le ultime elezioni regolari in Birmania nel 1989. Il regime - probabilmente sperando in un assenso pubblico alle elezioni-farsa organizzate sabato scorso - aveva promesso al Presidente americano Barack Obama di liberare la leader dissidente subito dopo le elezioni, ma per oggi ancora niente. Una grande folla di simpatizzanti e di ex appartenenti al partito di San Suu Kyi - che si è sciolto come previsto dalle leggi imposte per queste elezioni - si era radunata aotto l'abitazione della donna, ma poi piano piano sta defluendo per tornare indietro, anche perchè aumentano le pattuglie di poliziotti che circolano in zona. E si teme che possano decidere di sgombrare la zona con la forza. Tuttavia è stato reso noto che i documenti relativi alla liberazione della leader politica sono già stati firmati. Il che significa che potrebbe essere liberata nel giro di qualche giorno.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©