Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Myanmar, Suu Kyi incontra inviato speciale ONU


Myanmar, Suu Kyi incontra inviato speciale ONU
02/02/2009, 08:02

La leader dell'opposizione del Myanmar Aung San Suu Kyi, da anni agli arresti domiciliari, ha incontrato oggi l'inviato speciale dell'Onu, Ibrahim Gambari durante la sua missione per cercare di convincere lei e la giunta militare a procedere con il dialogo sulle riforme politiche.

Facendo cadere qualunque speranza di un compromesso, un portavoce del partito della Suu Kyi, il National League for Democracy (Nld), ha dichiarato che il partito resta fermo su una serie di pre-condizioni che devono essere accolte prima di mettersi al tavolo delle trattative con i generali.

Fra le pre-condizioni, ha detto il portavoce Nyan Win, la liberazione di tutti i prigionieri politici, fra i quali Suu Kyi, una revisione della nuova costituzione e il rispetto dei risultati elettorali del 1990 che aveva vinto l'Nld, ma che l'esercito aveva ignorato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©