Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La protesta capitanata da Borghezio e Salvini

Napolitano contestato a Strasburgo dalla Lega Nord

Schulz: "A volte succedono questi intermezzi"

Napolitano contestato a Strasburgo dalla Lega Nord
04/02/2014, 14:13

STRASBURGO - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante il suo intervento  nell'Aula dell'Europarlamento di Strasburgo è stato contestato dagli esponenti della Lega Nord. La crisi dell'Unione Europea "risiede nel peggioramento delle condizioni di vita" dei suoi cittadini, e ne e' emblema "l'aumento della disoccupazione e l'impennata drammatica della disoccupazione giovanile", dunque "si ritiene che non regga più  una politica di austerità  ad ogni costo". Queste le parole di Napolitano a cui sono seguite le contestazioni dei leghisti  capitanati da Mario Borghezio e dal segretario Salvini che hanno interrotto l'intervento del Capo dello Stato agitando cartelli e inneggiando alla "Europa dei popoli".

Pronta e' scattata, però una “contro contestazione” da parte di numerosi settori dell'emiciclo che hanno coperto di fischi dei Lombardi. Agli eurodeputati leghisti sono stati tolti di mano i cartelli che stavano sventolando. Contestazione analoga fu fatta dagli allora europarlamentari Salvini, presente anche oggi e ora segretario della Lega, e Speroni quando intervenne di fronte al Parlamento Europeo nel2001 l'allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. "A volte succedono questi intermezzi", ha commentato il presidente dell'Europarlamento, Martin Schulz, durante la contestazione dei deputati della Lega.

Il Capo dello Stato, applaudito, ha poi ripreso il suo intervento.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©