Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Napolitano: "Sono addolorato, ma gli italiani vogliono che la missione continui"


Napolitano: 'Sono addolorato, ma gli italiani vogliono che la missione continui'
14/07/2009, 15:07

Intervento stupefacente, da parte della più alta carica dello Stato. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ripetute le stesse parole già dette dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (che strano, vero? ndr), a proposito della missione italiana in Afghanistan. "Dobbiamo registrare con dolore la perdita di un soldato, siamo solidali con i feriti, ma siamo anche persuasi che ci sia ampia comprensione e condivisione nell'opinione pubblica italiana nel portare avanti questo impegno".
Ora, a parte che sondaggi e manifestazioni hanno ampiamente dimostrato che la maggioranza degli italiani è contraria a questa guerra; a parte che questa guerra è ormai persa, come hanno ammesso gli stessi generali americani; ma il Presidente della Repubblica ha dimenticato che noi siamo in Afghanistan in aperta violazione dell'articolo 11 della Costituzione. E a dirlo non sono io, ma c'è un documento del 2003, dove sono gli stessi esponenti dell'allora (e attuale) governo a dirlo. Ma quando fa comodo far finta di non sapere...
Nel frattempo si scoprono dettagli particolari su Alessandro Di Lisio, il soldato morto oggi. In particolare si è scoperto che aveva una pagina di Facebook, nella quale si definisce single e in cerca di amicizia e una relazione. L'orientamento politico è definito "troppo di destra" (come se fosse una sorpresa, visto che la maggior parte dei militari sono di orientamento fascista o giù di lì, ndr) e il dato di lavoro è la Brigata Paracadutisti Folgore. Tra le varie frasi, una del 25 giugno: "Mancano solo tre mesi... solo tre mesi". Ma una mina è arrivata prima.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©