Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Sono passati 64 anni dall'assassinio di Mahatma

Nell'anniversario della morte, sfilano 485 baby Gandhi

Il corteo entra nel Guinnes dei primati

Nell'anniversario della morte, sfilano 485 baby Gandhi
30/01/2012, 21:01

NEW DELHI – Un drappo di stoffa bianca, un paio di occhialini tondi, una canna di bambù e qualche baffo finto per celebrare i 64 anni dalla morte di Mahatma Gandhi. Nel segno della non violenza, di quella rivoluzione pacifica che il maestro ha insegnato all’India e al mondo intero, si sono radunati 485 bambini per ricordare Gandhi. A Kolkata hanno sfilato ragazzini dai 10 ai 16 anni, provenienti da famiglie disagiate e hanno percorso mezzo chilometro, ripercorrendo la ‘Marcia del Sale’ del 1930, svolta dal maestro nello stato settentrionale del Gujarat. Fu una delle proteste pacifiche più famose, organizzata per contrastare l’odiosa tassa sul sale imposta dagli inglesi.
Le celebrazioni per l’anniversario della morte di ‘Bapu’ (come è chiamato affettuosamente dagli indiani) sono culminate davanti al mausoleo del Rajghat, luogo dove è stato cremato. Presidente della Repubblica, primo ministro, leader del Congresso hanno tutti insieme posato petali di fiori sulla grande lastra di marmo nero dedicata a Gandhi e hanno osservato due minuti di silenzio. L’anniversario della morte del maestro per mano di un estremista indù (Nathuram Godse impiccato il 15 novembre del 1948), ha segnato anche un nuovo record. I 485 bambini hanno conquistato il nuovo guiness, scavalcando i 255 studenti che qualche anno fa si erano mascherati da Gandhi.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©