Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Solidarietà dal mondo cattolico: grande leader e ispiratore

Nelson Mandela torna a casa: sorprendenti capacità di recupero

Buone notizie per l’ex presidente sudafricano

Nelson Mandela torna a casa: sorprendenti capacità di recupero
29/01/2011, 11:01

Buone notizie per l’ex presidente sudafricano Nelson Mandela, tornato nel pomeriggio di ieri nella sua casa situata nel quartiere di Houghton a Johannesburg, dopo che ha trascorso due giorni ricoverato in ospedale per un’infezione acuta alle vie respiratorie.

Nelson Mandela, ormai 92enne, secondo quanto ha detto il capo dell’autorità sanitaria militare, il generale Ramlaken Vejaynand, in una conferenza stampa insieme al vicepresidente dello stato del Sudafrica Kgalema Motlanthe e al nipote Mandla Mandela.


“Non c'e' motivo di farsi prendere dal panico l’ex presidente Nelson Mandela soffre di malanni normali per la sua eta' per i quali deve prendere medicine costantemente. Per essere una persona di 92 anni, ci ha sorpresi per la sua capacita' di recupero'', ha detto il generale Vejaynand, mentre non è stata data nessuna conferma della notizia, che l’altra sera ha fatto il giro del mondo, secondo cui all'origine del ricovero ci sarebbe stato uno pneumatorace.

Alla partenza di Nelson Mandel dall’ospedale, a bordo di un'autoambulanza militare scortata da veicoli delle forze di sicurezza sudafricane, ha ricevuto il saluto da parte di tutto il personale dell'ospedale mentre gli scolari di una vicina scuola media cantavano l'inno sudafricano Nkosi Sikelel' iAfrika.


Nelson Mandela gia' in precedenza era stato curato da un infezione alle vie respiratorie: quasi sicuramente una conseguenza della tubercolosi che aveva preso durante i sei anni di prigionia nel carcere di Pollsmore, a sudest di Citta' del Capo.

Ricordiamo che Nelson Mandela era stato ricoverato mercoledi' pomeriggio nell'ospedale Milpark, da lì sono cominciati il viavai dei principali personaggi della scena sudafricana, e grazie al silenzio attorno alla vicenda, si era pensato al peggio, poi smentito nella conferenza stampa di ieri.

Manifestazione di solidarietà anche da parte del mondo cristiano cattolico dove il cardinale Wilfrid Napier, arcivescovo di Durban e portavoce della Southern African Catholic Bishops' Conference, ovvero la conferenza episcopale del Sudafrica, in un comunicato stampa esprime la solidarietà a Nelson Mandela: ''A nome dei Vescovi, del clero, delle religiose e dei religiosi della Chiesa cattolica in Sudafrica, i vescovi cattolici del Sudafrica assicurano al presidente Mandela e alla sua famiglia le preghiere per la sua pronta guarigione''.

''L'ex presidente Nelson Mandela per la sua famiglia e' un vero e proprio patriarca, che rappresenta, e ne e' un esempio, le virtu' di un vero grande, amorevole Padre, che si prende cura di tutte le persone care e che gli sono vicine''. ''Per la nazione, e' un grande leader e ispiratore, una vera icona della riconciliazione della quale abbiamo ancora urgente bisogno''. ''Per la comunita' internazionale, e' uno statista africano e mondiale unico, che si e' posto al di sopra degli interessi personali, tribali, di razza e di partito, al fine di guidare la nazione sudafricana attraverso la difficile transizione dall'apartheid alla democrazia''.

Nelson Mandela, è stato il primo presidente del Sudafrica post-apartheid e ha vinto il Premio Nobel per la pace nel 1993.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©

Correlati

18/07/2011, 11:07

Nelson Mandela compie 93 anni