Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Il bilancio: 19 vittime tra inglesi, cinesi e nepalesi

Nepal: un aereo si schianta al suolo. Salvo lo staff italiano

Il velivolo è caduto poco dopo il decollo dalla capitale

Nepal: un aereo si schianta al suolo. Salvo lo staff italiano
28/09/2012, 10:40

KATHMANDU (NEPAL) - Prima lo schianto, poi l’incendio e a seguire un tragico bilancio delle vittime: 19 morti. L’incidente si è verificato questa mattina in Nepal, dove un piccolo aereo da turismo, un Dornier della compagnia Sita Air, si è schiantato al suolo, per poi andare in fiamme, pochi minuti dopo il decollo da Kathmandu, capitale nepalese. Il velivolo era diretto a Lukla, importante destinazione per il trekking nell’Everest: le cause dell’incidente non sono chiare, visto che al momento dello schianto il tempo era buono. Per il momento, secondo le autorità locali, la pista da seguire è quella di un problema tecnico a bordo, a causa del quale i piloti avrebbero cercato di atterrare nell’argine del fiume. In base alle ultime notizie riferite dalle autorità aeroportuali e riportate dalla stampa internazionale, pochi minuti prima dello schianto il pilota aveva comunicato che il velivolo aveva un problema e per questo stava tentando di posarsi sulle rive del fiume Manohara.

Fra i passeggeri a bordo c’erano turisti stranieri e alcuni membri dell’equipaggio: gli stranieri deceduti sono 12, sette turisti britannici e cinque cinesi. Le altre 7 vittime sono membri dell’equipaggio nepalese. Funzionari locali inizialmente avevano parlato di due italiani fra le vittime, ma la nostra diplomazia fortunatamente ha smentito: “In effetti - ha raccontato per telefono una fonte diplomatica all’Ansa - era previsto che un gruppo di italiani salisse a bordo di quell’aereo, ma poi per ragioni organizzative non lo ha fatto”. Il gruppo di italiani, dunque, aveva rinunciato a partire all’ultimo momento.

Gli incidenti a piccoli aerei di questo tipo non sono rari in Nepal, ora in piena stagione turistica. Non si tratta, infatti, del primo caso nell’Himalaya nepalese, noto anche per la pista di atterraggio lunga soltanto 460 metri. Nell’autunno del 2008 in uno schianto del tutto simile erano morte 19 persone.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©