Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

I fatti di quando era Ministro delle Telecomunicazioni

Netanyahu ancora nei guai: quarta indagine per corruzione


Netanyahu ancora nei guai: quarta indagine per corruzione
20/02/2018, 09:08

TEL AVIV (ISRAELE) - Mentre stanno per giungere a conclusione con altrettanti processi le prime due indagini per corruzione e una terza indagine è in via di completamento, la Polizia apre una quarta indagine contro il premier israeliano Benjamin Netanyahu. Ancora una volta l'accusa è di corruzione. I fatti risalirebbero al perioco tra il 2015 e il 2017, quando il premier aveva anche il ruolo di Ministro delle Telecvomunicazioni. In questa veste avrebbe preso decisioni tese a favorire la compagnia telefonica Bezeq e il suo proprietario Shaul Elovich (che è stato arrestato per questa vicenda). In cambio Elovich avrebbe fatto regali non solo a Netanyahu, ma anche a due suoi collaboratori; inoltre gli avrebbe fatto propaganda gratuita sul quotidiano on line da lui posseduto, Walla. 

Nell'indagine, oltre ad Elovich, sono stati arrestati anche i due collaboratori di Netanyahu, l'ex portavoce Nir Efez e il direttore generale del Ministero delle Telecomunicazioni, Shlomo Filber. Ed anche altre quattro persone sospettate di essere coinvolte a vario titolo nell'opera corruttoria. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©