Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Siglata la pace tra Hamas, Al Fatah e tutte le altre fazioni

Netanyahu: il patto palestinese fa vincere il terrorismo

Forte accelerazione da furto fatto da Tel Aviv di 59 milioni

Netanyahu: il patto palestinese fa vincere il terrorismo
04/05/2011, 16:05

IL CAIRO (EGITTO) - Iniziate le cerimonie che porteranno oggi alla firma dell'accordo tra le tredici fazioni palestinesi, a cominciare da Hamas e Al Fatah, che dalle elezioni del 2007 hanno cominciato una divisione, che ha riguardato anche il territorio palestinese: Hamas si è tenuto il controllo sulla zona di Gaza, Fatah sulla Cisgiordania. Adesso queste cose dovrebbero essere dimenticate, come dimostrano anche le aggressive dichiarazioni del presidente palestinese, Abu Mazen: "Israele deve decidere tra la colonizzazione e la pace". Pensare che è la stessa persona che nel 2009 offriva ad Israele il possesso di tutte le sue colonie illegali, la rinuncia a qualsiasi risarcimento per i palestinesi cacciati di casa negli ultimi 62 anni ed altre cose in cambio della pace, ricevendone un netto rifiuto. Dura l’affermazione del premier israeliano Benjamin Netanyahu, anch’egli giunto a Londra per il patto di unità palestinese tra Hamas e Fatah: “ Questo patto è un duro colpo per la pace e una grande vittoria per il terrorismo”. Nel frattempo il presidente Abu Mazen ha sottolineato la necessità della nascita dello Stato Palestinese, indicando la data di settembre 2011. ''Non ci piegheremo alle minacce e ricatti israeliani sulla creazione di uno Stato', ha sottolineato nella cerimonia di riconciliazione con Hamas.
Una grossa spinta all'unione è derivata dal comportamento israeliano che si è rifiutato di consegnare al governo palestinese somme per circa 300 milioni di shekel (circa 59 milioni di euro) che gli spettano in quanto provenienti dal transito doganale per le merci. Israele pretende di riscuotere queste somme, ma poi, come in questo caso, si rifiuta di consegnarli, adducendo questo o quel pretesto. E questa volta l'ha fatto una volta di troppo.


.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©