Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Per ora azione diplomatica per impedire la partenza

Netanyahu prepara un'azione di forza contro Freedom Flottilla


Netanyahu prepara un'azione di forza contro Freedom Flottilla
01/06/2011, 17:06

TEL AVIV (ISRAELE) - Ormai mancano pochi giorni (anche se non si sa esattamente quanti) alla partenza della Freedom Flottilla 2, la flotta di 15 navi, cariche di aiuti umanitari e diretta a Gaza per assistere la popolazione palestiense. Ma il governo israeliano è pronto a riceverli, con la forza. Infatti, anche se per ora si stanno limitando a pressioni diplomatiche sui Paesi europei e sulla Turchia per impedire la partenza, hanno già fatto sapere che non permetteranno alle navi di raggiungere i palestinesi per aiutarli. E non ci vuol molto a capire che cosa intende Israele in questo caso: basta ricordare l'assalto fatto l'anno scorso al primo tentativo, con l'assalto fatto dagli elicotteri, con i soldati che hanno trucidato con colpi alla schiena e alla nuca almeno nove persone che erano presenti sulla nave turca Mavi Marmara, facente parte della prima Freedom Flottilla.
D'altronde Israele è già stata infastidita dalla decisione egiziana di riaprire il valico di Rafah, che ha permesso un contatto, sia pure molto parziale, dei palestinesi col mondo esterno, dopo 4 anni di prigionia imposta dal governo di Tel Aviv agli abitanti della striscia di Gaza.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©