Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Fermati in India, trovati 24 proiettili in camera d'albergo

New Delhi, arrestati tre italiani per possesso di proiettili


New Delhi, arrestati tre italiani per possesso di proiettili
28/05/2010, 19:05

NEW DELHI - Tre italiani sono stati arrestati a New Delhi, in India. A far scattare le manette nei confronti dei tre connazionali è stata la polizia che ha tratto in fermo Giovanni Cecconello, Donato d'Angelo e Giulio Pometto, dopo aver trovato 24 proiettili nella stanza del loro hotel Radisson. I tre, che sarebbero dipendenti della compagnia petrolifera malaysiana Petronas, erano arrivati martedì e avevano lasciato l'albergo nello stesso giorno. Giulio Pometto, era in procinto di fare ritorno in patria ed è stato arrestato a Mumbai mentre si accingeva ad imbarcarsi su un volo aereo. Giovanni Cecconello e Donato D'Angelo, invece, sono stati invece fermati a Pune, a 200 chilometri circa da Mumbai. I proiettili sono stati rinvenuti giovedì scorso, due giorni dopo la loro partenza da New Delhi, mentre venivano effettuate le pulizie della camera in cui i tre italiani avevano soggiornato. “Siamo stati avvertiti della vicenda dalla polizia di Mumbai e Pune - ha detto una fonte diplomatica italiana a New Delhi - e stiamo seguendo il caso”. Per i tre uomini, tutti originari della zona di Torino, sono stati momentaneamente rilasciati ma devono restare a disposizione della polizia locale.
 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©