Dal mondo / America

Commenta Stampa

La città torna a vivere

New York dopo Sandy: la Maratona si farà


New York dopo Sandy: la Maratona si farà
01/11/2012, 08:57

NEW YORK – Dopo l’incubo Sandy, la città di New York torna a vivere.

Il Sindaco Bloomberg ha confermato che la leggendaria Maratona di New York si svolgerà come previsto domenica, la manifestazione attraverserà tutti i cinque boroughs della città.

“Decine di migliaia di persone sono venute da tutto il mondo per questo evento”, ha aggiunto il sindaco.

Piccoli passi per tornare alla normalità, quindi.

Ed anche per questo che il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha deciso che l’ingresso  per metropolitana e autobus fosse libero per i prossimi due giorni, proprio per permettere una progressiva ripresa del servizio dei mezzi pubblici e della quotidiana regolarità della vita in città.

Fino a poche ore, molti erano stati i cittadini che si recavano al lavoro con i propri mezzi, provocando un blocco della circolazione nell’ora di punta.

Gli autobus erano stracolmi  mercoledì scorso, i conducenti hanno dovuto fare orari straordinari per rispondere alle esigenze dei cittadini che, con ordine e civiltà, hanno rispettato turni e lunghe file di attesa.

Anche se il peggio è passato, si contano i danni e le conseguenze post Sandy.

Bellevue Hospital, uno dei più grandi degli Stati Uniti, è stato evacuato nella notte per il cattivo funzionamento di un generatore.

Sono 700 i pazienti che sono stati trasportati in altri ospedali.

Intanto, il New York Stock Exchange ha ripreso la sua attività mercoledì grazie ai generatori d’emergenza, lo stesso sindaco Michael Bloomberg ha inaugurato la riapertura dando il via alle contrattazioni con il tradizionale suono della campana.

New York, quindi, non si ferma. Per strada manifestazioni di solidarietà e tanta voglia di ricominciare.

L’Old Homestead, la famosa steakhouse, si è messa a grigliare carne in strada vendendo a soli 10 dollari le bistecche normalmente messa in vendita a 47 dollari.

Un’idea di solidarietà e di furbizia imprenditoriale per fronteggiare le difficoltà del momento.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©