Dal mondo / America

Commenta Stampa

Nuove tutele per chi finora non ne ha mai avute

New York, pronta la prima legge per le modelle-bambine


New York, pronta la prima legge per le modelle-bambine
02/08/2013, 16:29

NEW YORK (USA) - New York sarà la prima città degli Stati Uniti ad approvare una legge a tutela delle modelle minorenni. Manca solo la controfirma del sindaco Andrew Cuomo e già tra poche settimane sarà in vigore. Le norme contenute sono tassative: pausa di almeno 12 ore tra una sessione di lavoro e quella successiva, termine della giornata fissato massimo a mezzanotte e, per gli under 16, presenza obbligatoria di un accompagnatore. Una serie di norme molto più dure del codice di autoregolamentazione finora utilizzato che, in realtà, serve a ben poco. Infatti sono molti i casi conosciuti (anche se non denunciati) di abusi sessuali e di forti pressioni sulle ragazzine perchè siano magrissime, spesso al di sotto degli standard per mantenere una buona salute. Il tutto per paghe molto basse. Perchè, al di là delle parole, basta guardare qualsiasi sfilata per notare che la modella che si chiede è quella androgina, cioè piatta, senza curve, con le costole a vista. Così è più semplice disegnare le varie stravaganze con cui gli stilisti si dilettano, ma si tratta di vestiti che nessuna donna può indossare. A meno di rinunciare ad essere una donna. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©