Dal mondo / America

Commenta Stampa

Nel bilancio 13 morti e dai 20 ai 40 feriti

New York, ragazzo ammazza 13 persone in un centro immigrati e si suicida


New York, ragazzo ammazza 13 persone in un centro immigrati e si suicida
03/04/2009, 21:04

Ennesima storia di violenza negli Usa, dove un ventenne, armato di un fucile a pompa, ha fatto irruzione in un centro per immigrati uccidendo 13 persone, ferendone 26 e tenendo in ostaggio almeno altre 40 persone. E’ accaduto a Binghamton, nello stato di New York, al confine con la Pennsylvania. Le prime notizie sono arrivate da Bob Joseph, giornalista della radio locale Wnbf, che ha riferito alla Cnn di aver appreso dalla polizia che il responsabile sarebbe un uomo dai tratti asiatici, armato con un fucile a pompa e con indosso un giubbino verde. Secondo il reporter non si tratterebbe di una azione improvvisata: l’assalto sarebbe stato organizzato nei dettagli. Le notizie sono ancora frammentarie, il bilancio è provvisorio.

Secondo una prima ricostruzione il ragazzo, di origini vietnamite, è sceso da un veicolo proprio di fronte all’ingresso dell’American Civic Association alle 10.30 (le 16.30 in Italia), ha raggiunto l’interno ed ha aperto il fuoco con il fucile a pompa contro i presenti, che al momento stavano svolgendo un test per ottenere la cittadinanza. I morti sarebbero almeno 13, una trentina i feriti. Poi, il giovane si è barricato all’interno, trattenendo una quarantina di ostaggi. Sul posto, oltre ai corpi di polizia, sono intervenuti anche gli agenti Swat.

Mentre l’assedio era ancora in corso, due persone sono state condotte fuori in manette dal centro per l’assistenza agli immigrati. Non è ancora chiaro, in mancanza di dichiarazioni ufficiali, se si tratti di sospetti o di complici. La polizia è riuscita a stabilire un contatto con gli ostaggi all’interno dell’edificio, alcuni dei quali hanno trovato rifugio in scantinati, ripostigli e nella stanza della caldaia.

Poco fa Paterson, governatore dello stato di New York, come riportato dalla Cnn, ha dichiarato che tra i morti potrebbe esserci anche il responsabile della sparatoria, anche se non è chiaro se vi fosse un unico uomo armato all’interno dell’edificio.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©