Nfl: giocatori furiosi per la decisione di multare chi si inginocchia all'inno - JulieNews - 1

Dal mondo / America

Commenta Stampa

La protesta iniziata 2 anni fa

Nfl: giocatori furiosi per la decisione di multare chi si inginocchia all'inno


Nfl: giocatori furiosi per la decisione di multare chi si inginocchia all'inno
24/05/2018, 17:33

WASHINGTON (USA) - Tutti i mass media statunitensi sono concordi nell'attaccare la Nfl (National Football League) per essersi piegata ai desideri del Presidente Donald Trump, decidendo di multare tutti i giocatori che si inginocchieranno durante l'inno nazionale. Si tratta di un gesto fatto per la prima volta da Colin Kaepernick, all'epoca quarterback dei San Francisco 49ers, per protestare contro la violenza della Polizia nei confronti degli afroamericani. Il gesto poi si è esteso ed oggi praticamente in tutte le squadre di football americano si vedono gli atleti di colore che si inginocchiano e i loro compagni bianchi che appoggiano una mano sulla spalla in segno di solidarietà. E non solo: la stessa cosa è avvenuta in diversi sport professionistici di squadra, come il baseball. La cosa non riguarda più Kaepernick, che da quando è iniziata la vicenda è stato licenziato ed è senza squadra. 

Ma questo gesto ha fatto infuriare Trump che lo ritiene offensivo verso l'inno e la bandiera Usa. E da quando è alla Casa Bianca, ha più volte minacciato di intervenire per interrompere questa abitudine. E adesso è passato dalle parole ai fatti, convincendo l'Nfl a disporre la possibilità di multare i giocatori che si inginocchiano all'inno. Cosa che ha fatto irritare praticamente tutti i giocatori, che hanno minacciato disubbidienze di massa, se la Nfl non ritornerà sui suoi passi. E hanno l'appoggio anche dei tifosi, dato che viene vista come una limitazione della libertà di espressione che è uno dei capisaldi della Costituzione americana. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©