Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Strage di innocenti per trovare Togo, leader dei dissidenti

Nigeria: i militari ammazzano 150 civili


Nigeria: i militari ammazzano 150 civili
03/12/2010, 19:12

NAIROBI -  Ammonterebbero a circa 150 le vittime del blitz militare delle forze armate nigeriane condotto nel Delta del Niger. A dirlo, il coordinatore nazionale del Forum per la giustizia e la difesa dei diritti umani (Fjhd), che ha precisato che il raid e' stato condotto nei villaggi di Ayakoromo, nello Stato del Delta. Lo scopo sarebbe quello di trovare John Togo, leader dei ribelli.“Si è trattato di una grande caccia che ha portato all’uccisione di innocenti” – ha dichiarato Oghebejabor Ikim, attivista del movimento e coordinatore per il suo stato del Forum of Justice and Human Right Defence –“Le case sono state incendiate, le donne violentate. Ci sono stati omicidi. E’ questo il modo di arrivare a Togo?”.
Il Mend è composto per lo più da nativi della zona del Delta che si battono da anni contro lo sfruttamento dell’ambiente naturale da parte delle multinazionali, attive nella zona per l’estrazione del petrolio dal sottosuolo, utilizzando la lotta armata. Per questo motivo, le forze governative della Nigeria hanno deciso di militarizzare il Delta per garantire maggiori sicurezze, ma le operazioni di contrasto alle loro attività portano spesso a vere e proprie carneficine per i civili che abitano nella zona.
John Togo, il capo dei dissidenti a cui si sta dando la caccia in questi giorni, secondo le autorità del paese non avrebbe rispettato gli accordi per raggiungere un’amnistia per i militanti, così come proposto dal Governo. Il progetto aveva portato a una relativa pacificazione dell’area, molto importante soprattutto per gli Stati Uniti, tra i principali estrattori e utilizzatori del petrolio nigeriano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©