Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Non è stato pagato alcun riscatto, dicono i familiari

Nigeria: liberato il calciatore Obodo con un blitz, sta bene


Nigeria: liberato il calciatore Obodo con un blitz, sta bene
11/06/2012, 09:06

ISOKO (NIGERIA) - E' durata 24 ore la prigionia di Christian Obodo, centrocampista tesserato con l'Udinese (anche se l'anno scorso ha giocato nel Lecce). Il tempo per la Polizia di scoprire che era stato portato a poca distanza, ad Isoko, sempre nella zona del Delta del Niger, ed è scattato il blitz, con l'assistenza di alcuni soldati nigeriani. Che è andato a buon fine: il calciatore è stato liberato ed è illeso, secondo quanto riferito dal fratello Kenneth; mentre tre dei cinque sequestratori sono stati arrestati e gli altri due sono ricercati attivamente.
Secondo quanto ha riferito la Polizia, non è stato pagato alcun riscatto. Inizialmente i rapitori avevano chiesto 188 mila dollari (pari a 150 mila euro), ma inizialmente la famiglia aveva detto di poter pagare solo 125 mila dollari. E comunque non prima di lunedì, dato che Obodo è stato rapito sabato, quando le banche sono chiuse. A questo punto si deve pensare che si trattasse di manovre dilatorie per nascondere l'intenzione di intervenire con la forza.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©