Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Legami tra il gruppo e i terroristi di Al Qaeda?

Nigeria: nuove minacce audio dalla setta Boko Haram

Decine di migliaia di cattolici in fuga dal Paese

Nigeria: nuove minacce audio dalla setta Boko Haram
27/01/2012, 09:01

KANO (NIGERIA) – La setta islamica di Boko Haram non scherza e torna a far sentire la sua voce. Questa volta è con un messaggio audio apparso su YouTube che il leader del gruppo terroristico, Abubakar Shekau, rivendica i massacri degli ultimi mesi (sono più di 196 le vittime della sola scorsa settimana) e minaccia di continuare ad agire. Nel messaggio audio si sente una voce che parla sotto una foto fissa di Abubakar Shekau: “Noi siamo responsabili (degli scorsi attacchi). Ho ordinato io (quelle stragi) e darò di nuovo quell’ordine, ancora e ancora una volta (fino a quando) Hallah non ci darà la vittoria”.
I Boko Haram hanno fatto strage di cristiani nel nord della Nigeria, a prevalenza musulmana, negli ultimi anni, ma è dallo scorso Natale che la loro azione si è ulteriormente intensificata. Intanto, mentre decine di migliaia di cattolici sono in fuga dalla Paese, si fa strada l’ipotesi sempre più accreditata di un possibile legame tra la setta Boko Haram e i terroristi legati ad Al Qaeda che operano fuori dalla Nigeria, in Nord Africa e in tutta la fascia desertica sahelo-sudanese. Questa congiunzione tra le due cellule terroristiche, infatti, potrebbe rendere ancora più ingovernabile un’area sempre più ampia a nord e a sud del Sahara, dove la situazione sembra peggiorare di giorno in giorno.
È caos generale, dunque, in Nigeria e in particolar modo nella sua capitale Kano: a nulla sembra servire il coprifuoco di 24 ore, allo stesso modo in cui non ha ottenuto risposte l’intimidazione del presidente nigeriano Goodluck Jonathan agli integralisti, di avanzare le loro richieste come base per una trattativa. Lo stesso presidente ha promesso di aumentare le misure di sicurezza, ma sono in molti ad avere paura e a temere che la situazione possa sfuggire a ogni controllo.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©