Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Sette morti e diversi feriti. Opera del gruppo Boko Haram?

Nigeria: triplo attacco terroristico. Nel mirino la stampa

Colpite le redazioni di diversi quotidiani in due città

Nigeria: triplo attacco terroristico. Nel mirino la stampa
26/04/2012, 20:04

ABUJA (NIGERIA) – Triplo attentato in Nigeria. Ad essere presa di mira questa volta è stata la stampa: le forti esplosioni, infatti, avvenute quasi in simultanea in due diverse città del Paese, hanno colpito quattro redazioni di tre quotidiani. È di sette persone il bilancio delle vittime, mentre in dodici sarebbero rimaste gravemente ferite.
Il primo attacco è avvenuto alle 11:30 circa a Jabi, una quartiere semiperiferico di Abuja, la capitale, dove l’attentatore suicida è riuscito ad entrare nel complesso dove si trova un grande capannone che ospita gli uffici del “ThisDay”, un importante quotidiano del Sud della nazione di estrazione filo governativa. Qui i morti sono stati tre, tra cui due addetti alla sicurezza e l’attentatore stesso. Il kamikaze è penetrato nel compound a bordo di una Jeep Toyota dall’ingressso secondario,mentre l’esplosione, secondo il racconto dei testimoni, sarebbe stata di grande intensità.
Il secondo attentato si è verificato a Kaduna, capoluogo dell’omonimo stato federale nel Nord della Nigeria: qui i morti sono stati quattro, diversi i feriti. Le modalità di esecuzione sono state le stesse, con un attentatore suicida che si è fatto esplodere a poca distanza dal condominio che ospita le redazioni di tre quotidiani: “The Sun”, “The Moment”e ancora “ThisDay”.
Nella terza esplosione sono rimaste ferite tre persone: “Un presunto membro di Boko Haram fuggito su un’auto Honda ha piazzato la bomba sull’autostrada e tre persone sono rimaste gravemente ferite quando è esplosa”, secondo un portavoce dei servizi di emergenza.
Per il momento non c’è stata nessuna rivendicazione, ma l’attacco pare abbia molte somiglianze con le modalità di azione della setta radicale islamica Boko Haram. Si tratta del gruppo che nelle scorse settimane aveva minacciato azioni contro giornalisti ed editori, ritenuti responsabili di non riportare correttamente le proprie rivendicazioni, di metterli in cattiva luce nei confronti dell'opinione pubblica e, soprattutto, di essere troppo schiacciati sulle posizioni governative. “Ignobile, sventurato, orrendo, malvagio” sono state le parole dedicate all’attentato dal presidente della Nigeria, Goodluck Jonathan, oggi ad Abidjan (Costa d’Avorio) per partecipare a un importante vertice straodinario dell’Ecowas, l’organismo che riunisce 15 nazioni dell’Africa occidentale.

LE VITTIME DEL GRUPPO BOKO HARAM
Le vittime di Boko Haram, secondo fonti ufficiali, sono almeno 1.400 dal 2009 a oggi, ovvero dal momento in cui il gruppo terroristico ha formalmente “dichiarato guerra” al governo centrale. L’attentato di oggi ad Abuja è l’azione più eclatante avvenuta nella capitale dopo l’attacco dello scorso agosto contro la sede Onu, in cui morirono 25 persone, tra cui una norvegese 30enne.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©