Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Scontri armati: incendiati una chiesa e un villaggio

Nigeria: una nuova ondata di violenza tribale fa 9 vittime


Nigeria: una nuova ondata di violenza tribale fa 9 vittime
03/04/2012, 16:04

ABUJA (NIGERIA) - Ennesima ondata di violenze tribali in Nigeria. Questa volta gli scontri si sono verificati nella parte est del Paese, nella notte tra domenica e lunedì, e hanno causato la morte di nove persone, più una ventina di feriti. Inoltre, sono stati dati alle fiamme una chiesa e un villaggio. La conferma è arrivata dalle forze dell’ordine locali: gli autori degli attacchi sono di etnia Fulani, tribù di pastori nomadi originari della Nigeria settentrionale e a maggioranza islamica, mentre le vittime sono gli abitanti Tse Ugbaa, mille abitanti di etnia Tiv, di norma contadini nativi della zona e di religione cristiana. “Siamo stati attaccati di sorpresa da un gruppo di almeno 200 perone pesantemente armati”, ha raccontato Shior Toryila, un testimone dell’assalto, “sono arrivati sparando all’impazzata, bruciando tutto e a noi non è rimasto altro che scappare; molti hanno provato a mettersi in salvo rifugiandosi in chiesa”.
Secondo un recentissimo rapporto curato dall’associazione socio-culturale nigeriana “Miyetti Allah Katual Hore”, in Nigeria più di mille agricoltori sono morti negli ultimi dieci mesi in scontri e violenze con allevatori. La conflittualità contadini-pastori trae origine nella ricerca e controllo di nuovi terreni e spazi vitali per l’allevamento delle mandrie. Molto spesso questi episodi di violenza dettati da ragioni, per così dire, economiche, vengono erroneamente interpretati come scontri di natura religiosa.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©