Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Un corteo di 10mila persone ha sfilato pacificamente

Nizza, marcia no global in vista del G20 di Cannes

Dispiegati 12mila uomini per il summit del G20

Nizza, marcia no global in vista del G20 di Cannes
02/11/2011, 09:11

NIZZA - Ieri pomeriggio un corteo di circa 10mila persone ha sfilato per le strade di Nizza, nel sud-est del Paese, in vista del G20, che si terrà domani e dopodomani, 3 e 4 novembre 2011, a Cannes, in Francia.

Sorvegliato da un dispositivo di sicurezza di oltre duemila agenti, incaricati di sbarrare la strada ad eventuai teste calde, il corteo è partito intorno alle 14,30, con un po' di ritardo rispetto all'orario previsto. Le diverse migliaia di manifestanti no-global, provenienti principalmente da Francia, Spagna ed anche Italia, sotto lo slogan "Prima il popolo, poi la finanza!" hanno sfilato lungo il percorso rigorosamente assegnatogli dalle autorità per chiedere maggiore giustizia sociale.

Tra i manifestanti erano presenti anche un centinaio di attivisti della ong Oxfam che, vestiti con cappelli da Robin Hood e muniti di sacchi di juta per rappresentare la Borsa, hanno chiesto a gran voce misure di tassazione delle rendite finanziarie.

In mattinata sulla Promenade des Anglais, il famoso lungomare di Nizza, la polizia aveva arrestato tre manifestanti spagnoli armati di bulloni, piccozze, passamontagna e maschere antigas. I tre uomini, inoltre, erano in possesso di T-shirt e spille con l'iscrizione "black cross", indizio che, come ha riferito il portavoce del Ministero dell'Interno francese Pierre Henry Brandet, ha indotto le autorità francesi a ritenere che si trattasse di elementi appartenenti al movimento dei black bloc. Per motivi di sicurezza a Nizza è stato deciso di ricorrere ad un rinforzo di 2.500 poliziotti.

Per quanto riguarda il vertice del G20 di giovedì e venerdì, invece, è stato deciso di dispiegare 12mila uomini in tutta la regione in vista di un summit già fortemente turbato dagli sviluppi della crisi greca.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©