Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Romano Prodi incredulo: “Scelta Ashton? E chi è?”

Nomine Ue, Baffetto di ferro non sarà Mr Pesc


Nomine Ue, Baffetto di ferro non sarà Mr Pesc
19/11/2009, 20:11

BRUXELLES – Massimo D’Alema potrebbe presto dire addio al progetto di diventare ministro degli Esteri dell’Unione Europea. E’ molto vicino, infatti, un accordo tra i 27 sulla coppia Van Rompuy-Ashton per le cariche di presidente stabile e nuovo ministro degli Esteri. L’accordo, secondo fonti diverse, sarebbe “quasi fatto” anche se non c’è ancora l’ufficialità: l’annuncio potrebbe arrivare entro poche ore.
Al momento il premier svedese Fredrik Reinfeldt, al summit di Bruxelles, sta ricevendo in bilaterale i 26 colleghi per concludere i colloqui a livello collegiale alla cena di stasera, dove il consenso sarà ufficialmente “constatato” dalla presidenza Ue con la nomina di Van Rompuy e Ashton. La bocciatura di D’Alema, quindi, sarebbe ormai decisa.
Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, si è detta rammaricata per la scelta di estromettere il politico italiano. “D’Alema, - ha detto, - certamente aveva le caratteristiche per poter svolgere questo ruolo nel modo migliore”.

Se la presidente di Confindustria ha deciso di prenderla con filosofia, non si dà invece pace l’ex premier Romano Prodi. Alla notizia della bocciatura di D’Alema, Prodi reagisce incredulo. “Hanno scelto Catherine Ashton? Ma chi è? Una baronessa? Non la conosco… è incredibile, sono scioccato. Mi dispiace per Massimo, sarebbe stato un ottimo ministro degli Esteri.
Prodi poi commenta le forti critiche arrivate dal Financial Times, parlando di un “attacco organizzato con grande cura” per demolire D’Alema. “Non s’era mai visto, - dice, - che una stessa testata parlasse male di una persona nel pezzo di cronaca, in un piccolo box e in un editoriale. E poi tirare fuori la storia del ’98… qualcuno mi dovrebbe spiegare che c’entrava con la nomina a mister Pesc”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©