Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il primo ministro norvegese: ''Tragedia nazionale''

Norvegia: più di 80 morti ma il bilancio è destinato a salire

Perde consistenza la pista jihadista

Norvegia: più di 80 morti ma il bilancio è destinato a salire
23/07/2011, 10:07

OSLO (NORVEGIA) - E' una nazione che si è svegliata stamani ferita e in lutto, con le bandiere a mezz'asta, dopo l'attentato terroristico che ieri ha colpito al cuore il Paese con un duplice attacco, causando più di 80 morti (bilancio provvisorio destinato a salire secondo la polizia) : un'autobomba scoppiata nel centro di Oslo, a metà tra la sede del governo e del quotidiano VG, che ha causato la morte di 7 persone, e poi qualche ora dopo una sparatoria in un campo estivo, organizzato dal partito laburista, nell'isolotto di Utoeya, dove un uomo travestito e presentandosi da poliziotto con la scusa di ''rinforzare la sicurezza dopo la bomba'', ha aperto il fuoco indiscriminatamente ''come si fa con i bersagli del luna park'', contro i presenti, per lo più teenager, inseguendoli e sparando su di loro anche quando questi di tuffavano in acqua per sfuggire ai proiettili.

Il primo ministro norvegese Jens Stoltenberg questa mattina ha annunciato lutto nazionale, parlando di tragedia nazionale: ''Mai dalla seconda guerra mondiale il nostro paese e' stato colpito da un crimine di questa portata'', parole che vanno ad aggiungersi a quelle di ieri: "Il nostro marchio di fabbrica è una società aperta è una società sicura dove si può partecipare al dibattito politico senza subire alcuna minaccia. E' questo che è sotto attacco oggi, è questo che è minacciato e dobbiamo reagire perché non sia cosi" .

Perde consistenza la pista jihadista capeggiata da Abu Sulayman Al Nasir, leader del gruppo Ansar Jihad Al Alami, che sul web aveva rivendicato l'attentato: '' E’ solo l’inizio. L’Europa piangerà lacrime amare. Non potevate immaginare di attaccare l’Islam senza pagarne le conseguenze'', dopo l'arresto dell'autore della strage di Utoeya, un norvegese di 32 anni, vicino agli ambienti dell'estrema destra xenofoba norvegese (Sul sito www.document.no sono stati rinvenuti suoi pensieri che testimoniano una visione nazionalista e l’ostilità a una societa’ multiculturale).

Il premier norvegese comunque ha assicurato che i colpevoli saranno tutti presi e sarà fatta giustizia: ''Nessuno potra' ridurci al silenzio, nessuno ci potra' mai farci avere paura di essere norvegesi, Non ce le farete a distruggersi non distruggerete ne' le nostre idee ne' la nostra democrazia, ne' i nostri ideali per un mondo migliore'' ''La Norvegia e' stata colpita da ''attacchi sanguinosi e scioccanti'', ma ''nessuno puo' sperare di metterci a tacere'' o ''distruggere la nostra democrazia''.

Parole di solidarietà e di appoggio alla lotta al terrorismo da parte del presidente degli Stati Uniti Barack Obama: Gli attacchi ricordano a tutta la comunita' internazionale l'importanza della lotta al terrorismo e la necessita' di collaborare nella trasmissione delle informazioni. ''Siamo'' con i norvegesi e ''forniremo l'aiuto possibile'', ha aggiunto il presidente americano.

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©