Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Controffensiva imminente, Peres: "A rischio mondo intero"

Nucleare, Israele pronto a colpire l'Iran


Nucleare, Israele pronto a colpire l'Iran
06/11/2011, 19:11

GERUSALEMME - I primi raid israeliani sarebbero già stati programmati. In queste ore Tel Aviv concentra la sua intelligence per colpire l’Iran ed i suoi piani nucleari. Le dichiarazioni del presidente Peres sono inequivocabili: "A rischio è il mondo intero, non solo noi". Israele-Iran, la tensione infinita. Fiato sospeso per il rapporto Aiea della prossima settimana sul nucleare di Ahmadinejad, mentre i falchi di Gerusalemme studiano delle manovre militari per colpire le centrali. Il ministro israeliano della Difesa Ehud Barak ha dichiarato: "Israele è il Paese più forte nel raggio di migliaia di chilometri attorno a Gerusalemme e vogliamo continuare ad esserlo. L’Iran è il principale pericolo, sia per Israele che per il mondo intero". E' quanto ha affermato il presidente israeliano Shimon Peres, parlando con leader drusi durante una visita ad un villaggio nel nord d'Israele. Le sue dichiarazioni sono giunte dopo che da giorni si parla sui media israeliani di un possibile raid aereo contro installazioni nucleari in Iran. "Israele è il Paese più forte nel raggio di migliaia di chilometri attorno a Gerusalemme e vogliamo continuare ad esserlo", ha aggiunto il ministro israeliano della Difesa Ehud Barak, intervistato dalla Bbc sulla minaccia nucleare iraniana. L'ex primo ministro ha detto di sperare che il rapporto Aiea della settimana prossima "dica esplicitamente a tutto il mondo cosa stanno realmente facendo gli iraniani" sul piano nucleare. Barak ha ribadito che "tutte le opzioni sono sul tavolo".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©

Correlati