Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Teheran non si piega alle sanzioni

Nucleare: tra Iran e l'Aiea è muro contro muro

Fallisce la trattativa contro le presunte attività atomiche

Nucleare: tra Iran e l'Aiea è muro contro muro
22/02/2012, 16:02

TEHERAN - Muro contro muro tra l’Agenzia per l’energia atomica delle Nazioni unite, l’Aiea, e l’Iran: non c’è un accordo sul programma nucleare del paese. Il leader supremo iraniano, l’ayatollah Ali Khamenei, fa sapere che le sanzioni internazionali, gli omicidi ed altri tipi di pressioni non riusciranno a fermare le attività atomiche.

Nel secondo viaggio di questo genere in meno di un mese, una squadra di esperti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) si è recata a Teheran per spingere le autorità iraniane a rispondere alle crescenti preoccupazioni sulla presunta costruzione di armi nucleari. Presunta, appunto. Perché, è bene ribadirlo, il “colpevole” Iran aderisce al Trattato di non proliferazione atomica e non ha “ancora” la bomba, mentre – ad esempio -  Israele non aderisce al Trattato, ha centinaia di testate nucleari, strategiche e tattiche, e le punta anche su Tehran. E tra Israele e Teheran c’è clima da alta tensione: i sionisti sono sempre sul punto di attaccare.

Il risultato della due giorni, con l’Aiea che spinge di più sull’Iran che su Israele, sembra essere destinato ad aggiungere nuove tensioni a quelle già esistenti tra il paese e le potenze occidentali, dopo le sanzioni contro il petrolio iraniano delle scorse settimane.

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©