Dal mondo / Australia

Commenta Stampa

Lo ha deciso l’Authority australiana

Nuova inchiesta sulla morte di Jacintha Saldanha


Nuova inchiesta sulla morte di Jacintha Saldanha
13/12/2012, 12:18

SYDNEY – Non si fermano le polemiche sul caso della telefonata dei due speaker che ha provocato la morte dell’infermiera indiana. Adesso è l'Authority delle comunicazioni australiana a chiedere di avviare con urgenza un'inchiesta formale sullo “scherzo telefonico” eseguito dai Dj all'ospedale di Londra, dove la duchessa di Cambridge Kate Middleton era assistita. La donna di 46 anni, Jacintha Saldanha, moglie e mamma di due bambini che, probabilmente non ha retto l’impatto e lo stress mediatico, dopo la presa in giro dei due ragazzi, i quali si erano finti i parenti reali della futura neomamma, si è suicidata dopo pochi giorni dallo scherzo. Per questo, l'Australian Communications and Media Authority ha fatto in modo di avviare le indagini autonomamente, così si analizzerà se la radio 2Day Fm ha ottemperato ai suoi obblighi di emittente. Da quanto dichiarato, l'indagine verterà sui titolari della licenza e non sui due presentatori fautori dello scherzo terminato in tragedia. Secondo l’ordinamento della legge australiana sulle comunicazioni di massa, i titolari delle licenze radio e Tv hanno il dovere primario di assicurare che il materiale trasmesso rifletta "gli standard della comunità". Intanto, per sostenere la famiglia orfana dell’infermiera, il gruppo proprietario della radio, ha deciso di devolvere i profitti pubblicitari dell'emittente per il resto dell'anno alla famiglia di Jacintha Saldanha. 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©