Dal mondo / Australia

Commenta Stampa

"Non deve gravare sulle spese sanitarie del Paese"

Nuova Zelanda: immigrato troppo grasso, rischia l'espulsione


Nuova Zelanda: immigrato troppo grasso, rischia l'espulsione
28/07/2013, 18:15

CHRISTCHURCH (NUOVA ZELANDA) - E' in Nuova Zelanda da 6 anni regolarmente, ma nonostante questo rischia l'espulsione. Sto parlando di Albert Buitenhuis, uno chef sudafricano che da 6 anni vive in Nuova Zelanda. Ma ha un problema: pesa 130 Kg. Troppo, secondo le autorità: con quel peso rischia di finire in ospedale e quindi di gravare sulle casse nazionali e sul sistema sanitario nazionale. Per cui deve dimagrire, se vuole restare nel Paese. E non bastano i 30 Kg. che ha già perso. 
Un portavoce del Ministero della Sanità ha chiarito: "È importante che tutti gli immigrati abbiano un tenore di salute accettabile per ridurre al minimo i costi e le richieste dei servizi sanitari della Nuova Zelanda". 
Insomma, anche la Nuova Zelanda dimostra di essere un Paese anglosassone, cioè un Paese dove i diritti non contano nulla, conta solo il denaro. Ed in base a quello che si decide tutto.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©