Dal mondo / Australia

Commenta Stampa

Non sono stati registrati danni di grave entità

Nuova Zelanda, la terra trema ancora a Christchurch


Nuova Zelanda, la terra trema ancora a Christchurch
23/12/2011, 09:12

CHRISTCHURCH (NUOVA ZELANDA) - Sono passati dieci mesi, ormai, da quel terremoto di magnitudo 6,3 della scala Richter che devastò Christchurch, sull'isola meridionale della Nuova Zelanda, provocando la morte di almeno duecento persone. E ora, pochi giorni prima di Natale, con le strade gremite di gente impegnata nelle utlime compere natalizie, la terra è tornata a tremare.

Due scosse di terremoto, rispettivamente di magnitudo 5,3 e 5,8 della scala Richter, registrate a distanza di un'ora e dieci minuti di tempo l'una dall'altra, hanno disseminato il panico tra le strade. L'epicentro del sisma è stato localizzato ad una ventina di chilometri a nord-est della città e ad una profondità nel sottosuolo di circa 8 chilometri.

Nonostante il panico diffuso tra la folla per le strade, il sisma non ha provocato danni particolarmente gravi e le autorità non hanno ritenuto necessario diramare l'allarme tsunami. Diversi uffici e centri commerciali per precauzione sono stati evacuati e in alcuni distretti è saltata la corrente elettrica. Tuttavia, stando ad alcune fonti delle autorità locali, risulta che, nonostante la violenza della scossa, non siano stati registrati danni materiali di grave entità e che non ci siano state vittime.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©