Dal mondo / Australia

Commenta Stampa

Gli assassini inneggiavano a Breivik e a Luca Traini

Nuova Zelanda: strage razzista in due moschee. 49 morti


Nuova Zelanda: strage razzista in due moschee. 49 morti
15/03/2019, 16:54

CHRISTCHURCH (NUOVA ZELANDA) - Terribile strage a Christchurch (in inglese, "la chiesa di Cristo", nome tragicamente significativo), in Nuova Zelanda. Due commandi hanno attaccato due moschee, quella di Al Noor - dove hanno fatto 41 morti - e quella di Masjid, dove invece ci sono state 8 vittime. Nel primo caso, il commando era composto da tre uomini e una donna, tutti armati di mitragliatrici, che hanno aperto il fuoco contro i presenti (circa 300 persone in preghiera, dato che oggi è il giorno festivo per i musulmani, quello in cui si va in moschea per la funzione religiosa più importante della settimana). Nel secondo caso la dinamica non è ancora chiara, ma pare sia stata usata una autobomba. 

A guidare il primo commando era il 28enne Brenton Tarrant, una persona che sul suo profilo Facebook si definisce "un normale uomo bianco". Talmente normale che ha annunciato la strage che aveva in mente dichiarando apertamente di ispirarsi alla strage fatta sull'isola di Utoya da Anders Breivik nel 2011, con 76 morti. Inoltre ha pubblicato una immagine con i caricatori dei mitra utilizzati nella strage, su cui erano stati scritti i nomi di altre stragi basate sull'odio razziale. Tra essi, quello di Luca Traini, l'uomo che a Macerata ha tentato di uccidere sei stranieri per odio razziale. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©