Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Finora disperse in mare 2000 tonnellate di petrolio

Nuovo disastro ambientale a Singapore: scontro tra due navi


Nuovo disastro ambientale a Singapore: scontro tra due navi
25/05/2010, 10:05

SINGAPORE - Ancora una volta è emergenza ambientale. Dopo la immensa macchia di petrolio che sta distruggendo la vita sulle coste atlantiche meridionali degli Stati Uniti (Florida e Louisiana in primis), adesso tocca alla zona di mare al largo di Singapore. Alle 6 di questa mattina (le 23 di ieri sera in Italia) una petroliera - la "Bunga Kelana 3", di oltre 100 mila tonnellate di stazza - è entrata in collisione con un cargo, Mt Vaily. Nell'urto la petroliera ha avuto uno squarcio di 10 metri nella fiancata sinistra, da cui sono fuoriusciti circa 2000 tonnellate di petrolio.
La guardia costiera malese è prontamente intervenuta, sia per verificare l'entità dei danni, sia per prestare eventuale soccorso a natanti e marinai. In breve si è appurato che non ci sono vittime tra gli equipaggi delle due navi, ma il danno ambientale è enorme. Le autorità portuali di Singapore hanno subito allertato tutti i mezzi che possano contenere la fuoriuscita e li ha mandati sul posto, affinchè intervengano, riducendo al massimo i danni all'ecosistema marino.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©