Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Polemiche per una telefonata della Timoshenko

Obama al G7: "Se la Russia attacca i vicini, la Nato reagirà"


Obama al G7: 'Se la Russia attacca i vicini, la Nato reagirà'
25/03/2014, 17:53

AJA (OLANDA) - Il presidente Barack Obama minaccia apertamente la Russia, parlando ai giornalisti all'Aja, in Olanda, dove è in corso il G7. Avvisa che se la Russia minaccerà i Paesi vicini (e il riferimento all'Ucraina è evidente), "gli alleati della Nato obbediranno al principio della difesa collettiva e li difenderanno". E ha aggiunto: "Ci stiamo organizzando in modo ancora più intenso per fare in modo che ci siano piani di emergenza e tutti gli alleati abbiano delle garanzie. Agiremo in loro difesa qualunque cosa accada: questa è la Nato". Ha poi detto che non esclude che ci possano essere nuove sanzioni settoriali contro la Russia, se dovesse persistere nel suo comportamento. 

Intanto sta facendo molto discutere una telefonata intercettata (e sarebbe curioso sapere da chi. Che ci sia un Datagate anche da Mosca, con spionaggio delle telefonate dei politici di mezzo mondo? ndr) tra Yulia Timoshenko e il suo amico e parlamentare Nestor Shufrych. Quando quest'ultimo le chiede come bisogna trattare gli 8 milioni di filorussi presenti in Ucraina, la risposta della donna è netta: "Spariamogli con le armi nucleari". La Tymoshenko ha confermato la telefonata, ma ha detto che l'audio è stato manipolato. 

La crisi in Crimea ha fatto la sua prima vittima politica: si è dimesso il Ministro della Difesa del governo ad interim Igor Tenyukh, per aver dato l'ordine di ritirare i soldati dalla Crimea, insieme alle loro famiglie, per evitare altre vittime, visti i continui attacchi si milizie filorusse.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©