Dal mondo / America

Commenta Stampa

Per il Presidente, occorre nuova legge per le pmi

Obama ammette: "Crisi c'è, ripresa lenta"


Obama ammette: 'Crisi c'è, ripresa lenta'
10/09/2010, 19:09

WASHINGTON – Dietrofront di Barack Obama: la ripresa economica stenta a decollare. Il presidente Americano ammette che la strada da compiere è ancora molta e che i progressi compiuti fin’ora sono “penosamente lenti”, anche se, puntualizza, le riforme saranno fatte e la crescita ci sarà sicuramente.
Parole chiare, quelle dell’inquilino della Casa Bianca, che tuttavia fanno riflettere in molti, soprattutto dopo che nelle scorse settimane era stato proprio lui a parlare della fine della crisi. Adesso, invece, Obama a quanto pare ha deciso di non nascondere più la verità: “La nostra strategia sta facendo andare il Paese nella giusta direzione” – ha detto -. “Le politiche del precedente decennio hanno indebolito l'economia".
Il presidente insiste inoltre sulla approvazione della legge a sostegno delle piccole e medie imprese. "Non abbiamo tempo di stare a giocare. Crediamo nel fatto che le aziende debbano trattare i dipendenti in modo equo, secondo regole base del buon senso. Crediamo negli investimenti che renderanno gli Stati Uniti un Paese più moderno".
Dopo la conferenza stampa alla Casa Bianca, Obama ha poi nominato Austan Goolsbee, economista dell'Università di Chicago e consigliere economico, presidente del Council of Economic Advisers.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©