Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

Obama: «atto d’estrema intolleranza e settarismo»

Obama condanna il rogo del Corano

In strada giovani che gridano: «A morte l'America»

Obama condanna il rogo del Corano
03/04/2011, 12:04

Kabul - Le proteste in Afghanistan, contro le azioni dei militanti cristiani del predicatore Terry Jones, che il 20 Marzo aveva bruciato una copia del Corano di fronte a circa 50 persone in una chiesa in Florida, mettendo poi il video su Internet, non si fermano.
Anche dopo i violenti episodi dei giorni scorsi, che hanno causato 83 persone ferite e 17 morte, tra cui l'uccisione di 7 dipendenti stranieri dell'Onu nella città di Mazar-i-Sharif, si continua a protestare nele strade del paese, soprattutto nella città di Kandahar, dove giovani gridano «A morte l’America» e «A morte Karzai».
A
Kabul circa 1.000 persone hanno bloccato la strada principale che collega la città a Jalalabad  e bruciato bandiere statunitensi.
Il presidente americano Barack Obama ha condannato il rogo del Corano definendolo un atto «d’estrema intolleranza e settarismo», senza mai menzionare
il nome del pastore Jones, e condonnato l'episodio dell'assalto di venerdì alla sede Onu di Mazar-i-Sharif, in Afghanistan: "attaccare e uccidere persone innocenti come risposta è un atto scellerato".

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©