Dal mondo / America

Commenta Stampa

Washington e Seul alzano il tiro contro Pyongyang

Obama: gli USA appoggeranno le sanzioni contro la Corea del Nord


Obama: gli USA appoggeranno le sanzioni contro la Corea del Nord
24/05/2010, 12:05

WASHINGTON - Nuova raffica di ultimatum contro la Corea del Nord da parte del governo americano. A parlarne per primo, il portavoce della Casa Bianca, Robert Gibbs: "In risposta al comportamento aggressivo della Corea del Nord e alla violazione del diritto internazionale, il presidente ha ordinato ai servizi del governo Usa di rivedere le politiche esistenti legate alla Repubblica popolare e democratica di Corea". Il che si può tradurre con un appoggio pieno del governo statunitense alle sanzioni che la Corea del Sud chiede applicarsi ai loro fartelli del Nord, dopo l'affondamento di una nave sudcoreana avvenuta lo scorsp 29 marzo e che Seul addebita all'azione di un sottomarino nordcoreano.
Gli ha fatto eco il Segretario di Stato, Hillary Clinton, che da Pechino, dove è in viaggio ufficiale, ha detto: "La Corea del Nord ha creato una situazione precaria nell'area, una situazione in cui ogni paese vicino o prossimo alla Corea del Nord comprende che essa deve essere limitata".
Anche il presidente sudcoreano, Lee Mung Bak, ha minacciato il Paese vicino: "Se le nostre acque territoriali, il nostro spazio aereo o il nostro territorio verranno violati, eserciteremo immediatamente il nostro diritto all'autodifesa. La Corea del nord pagherà un prezzo corrispondente alle sue provocazioni. In queste circostanze, ogni scambio commerciale intercoreano od altra attività di cooperazione è priva di senso", stabilendo quindi anche la fine degli aiuti umanitari diretti verso la popolazione della Corea del Nord.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©