Dal mondo / America

Commenta Stampa

Potranno essere scatenati attacchi all'esterno e all'interno

Obama ha dato il via alla Cia per la "cyberguerra"


Obama ha dato il via alla Cia per la 'cyberguerra'
08/06/2013, 10:16

WASHINGTON (USA) - Non si è ancora diradata l'eco delle polemiche per il controllo effettuato dalla National Security Agency su telefonate, computer, carte di credito e quant'altro, negli Usa come all'estero, che sul quotidiano Guardian arriva un'altra bomba. 
Il Presidente Barack Obama ha firmato un ordine esecutivo (una sorta di decreto legge, ma con poteri limitati) segreto in cui dà il via alle "Offensive Cyber Effects Operations" (operazioni offensive dagli effetti-cyber), cioè a valutare la possibilità di cyber-attacchi da fare all'estero o sul territorio nazionale. L'ordine esecutivo, in 18 pagine, pubblicato dal Guardian riporta anche una serie di cautele da utilizzare: valutare attentamente le reazioni, rispettare il diritto internazionale, impatti sulla sicurezza di Internet, e così via. Per gli attacchi sul suolo nazionale, ci vuole in più l'esplicita autorizzazione del Presidente. 
 In realtà la cyber-guerra gli Usa l'hanno scatenata da un pezzo. Per esempio, insieme ad Israele hanno creato virus come Stuxnet, che hanno attaccato a più riprese il sistema informatico iraniano. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati

20/06/2013, 16:07

Sventato attentato ad Obama