Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il presidente rassicura: "Sicurezza del paese non a rischio"

Obama: "Informazioni segrete rivelate? Non ci sono prove"

Domani l'ex capo della Cia torchiato sul caso Bengasi

Obama: 'Informazioni segrete rivelate? Non ci sono prove'
14/11/2012, 20:01

NEW YORK – “Non ci sono prove, finora, che informazioni classificate siano state rivelate” nello scandalo che coinvolge l'ex direttore generale della Cia David Petraeus. Lo ha affermato il presidente americano Barack Obama rispondendo a chi gli chiedeva se la sicurezza nazionale fosse messa in pericolo. “Da quello che ho potuto vedere, che informazioni classificate siano state rivelate, tali da avere un impatto negativo sulla nostra sicurezza nazionale”, afferma Obama, sottolineando che Petraeus ha fatto un gran lavoro e che grazie al suo lavoro il mondo è più sicuro, ma come lo stesso ex direttore della Cia ha riconosciuto, “non ha risposto agli standard che lui stesso ha ritenuto necessari in quanto direttore della Cia”.

Petraeus domani torchiato in Senato: Ma intanto l'ormai ex direttore della Cia, il generale David Petraeus travolto dallo scandalo della relazioni con la sua biografa Paula Broadwell, è stato convocato davanti la Commissione Intelligence del Senato. In quella che è prevista un'audizione a porte chiuse Petraeus sarà interrogato dai senatori sull'attacco al consolato di Bengasi che l'11 settembre scorso portò all'uccisione dell'ambasciatore in Libia, Chris Stevens e di altri tre americani. Sull'episodio restano ancora punti oscuri.

Obama sullo scandalo: Il presidente Barack Obama tradisce invece un certo imbarazzo sullo scandalo sessuale che ha travolto il direttore della Cia, David Petraeus. In particolare nella sua prima conferenza stampa dopo la rielezione, il presidente non ha voluto rispondere alla domanda se ritenesse di essere stato informato troppo tardi del caso (la Casa Bianca ha reso noto che il primo rapporto a Obama fu fatto solo l'8 novembre). Obama ha comunque ribadito al sua completa fiducia nell'Fbi, che ha aperto e sta conducendo le indagini sul caso. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©