Dal mondo / America

Commenta Stampa

Operazione contro arsenale armi chimiche.

Obama invierà squadre "non letali" in Siria


Obama invierà squadre 'non letali' in Siria
17/09/2013, 11:12

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha autorizzato l'invio in Siria di squadre di protezione e armi non letali a sostegno delle organizzazioni che hanno l'obiettivo di contrastare le armi chimiche del paese. L'intervento segue l'accorod firmato sabato a Ginevra tra il segretario di Stato americano John Kerry e il suo omologo russo Sergei Lavrov, che prevede di mettere sotto controllo internazionale le armi chimiche del regime di Bashar-al-Assad. Nonostante la legge americana sull'esportazione di armi proibisce questo tipo di invii, Obama ha ordinato un'eccezione, come risposta all'attacco chimico del 21 agosto. Catilin Hayden, portavoce del Consiglio della Casa Bianca, ha spiegato che le squadre inviate avranno il compito di proteggere le organizzazioni che lavorano strenuamente per impedire l'uso e la proliferazione dell'arsenale chimico di Damasco, tra queste l'"Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche". Il presidente americano ha inoltre autorizzato la protezione personale per "membri scelti" dell'opposizione siriana attraverso l'invio di altre squadre. Le organizzazioni che aiutano gli ospedali siriani a combattere l'uso di armi chimiche potranno anche contare sull'invio di forniture mediche.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©