Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il discorso annuale sullo stato dell'Unione

Obama: meno spesa pubblica, più lavoro, più ecologia


Obama: meno spesa pubblica, più lavoro, più ecologia
26/01/2011, 09:01

WASHINGTON (USA) - Politicamente parlando, è l'appuntamento più importante dell'anno per gli Stati Uniti. E' il discorso sullo stato dell'Unione, che viene fatto dal Presidente in seduta congiunta (Congresso più Senato), alla presenza dell'intero governo, dei vertici militari e dei giudici della Corte Suprema. Ed è il primo discorso ufficiale del Presidente ogni anno.
Il Presidente Obama ha tenuto a sottolineare l'importanza di sviluppare il mercato del lavoro, dato che il Paese ha una disoccupazione inchiodata da tempo al 10%, un dato molto alto per gli Usa, dove il mercato è mobile e si può cambiare lavoro con estrema facilità. Ed è il principale problema non solo per la rielezione di Obama, ma anche per i repubblicani, che ora hanno la maggioranza al Senato. Per questo, ha assicurato il presidente, si continueranno le misure per tagliare il deficit pubblico (nel 2011 previsto oltre la soglia del 10%) e i risparmi saranno indirizzati soprattutto al settore della tecnologia e dell'energia pulita, per recuperare il gap con la Cina, che già oggi è alla pari degli Usa, se non superiore.
Queste parole però non sono bastate ai repubblicani che, nel discorso di replica di Paul Ryan - giovane deputato del Wisconsin - hanno sottolineato come i tagli alla spesa pubblica fatti dal Presidente sono troppo timidi e i bonus fiscali per le classi agiate sono troppo bassi. Discorso poi ribadito da Michele Bachman, che ha parlato a nome dei Tea Party.
Importante segnale di distensione dopo la sparatoria a Tucson, in cui è rimasta gravemente ferita la deputata Gabrielle Giffords e sono rimaste uccise altre sei persone. Molti deputati e senatori hanno deciso di sedersi vicino a loro avversari o ex tali, a dimostrare che la rivalità politica non deve mai sfociare nell'odio personale; altri portavano il nastro bianco e nero, in ricordo di quella strage.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©