Dal mondo / America

Commenta Stampa

Dopo 3 anni mantenuta una promessa elettorale

Obama: niente appoggio alla legge sulla difesa del matrimonio

Sarà più facile per i gay creare un rapporto legale

Obama: niente appoggio alla legge sulla difesa del matrimonio
24/02/2011, 09:02

USA - Ci sono voluti tre anni, ma finalmente il Presidente Barack Obama si è deciso ad iniziare a rispettare un'importante promessa elettorale: l'abolizione del "Defense of Marriage Act" o DOMA (Legge sulla difesa del matrimonio). Si tratta di una legge che prevede che si può parlare di matrimonio solo tra un uomo e una donna e che ciascuno Stato non è tenuto a rispettare matrimoni fatti in altri Stati. Per cui una coppia gay che si sposi in Iowa (dove la cosa è permessa) non è considerata tale nel Colorado, per esempio. Ma d'ora in poi il DIpartimento della Giustizia non sosterrà più questi principi, laddove nei tribunali ci siano ricorsi delle coppie gay che cercano di far valere i loro diritti. In particolare verrà annullato il sostegno ad una causa, finita all'esame della Corte Suprema, dopo che il giudice ha dichiarato l'incostituzionalità della DOMA.
E' il secondo importante segnale, a favore dei diritti dei gay, dopo la legge che ha cercato di abolire il sistema del "don't ask, don't tell" (non chiedere, non dire), presente nell'esercito, per cui gli omosessuali sono ammessi a condizione che non rivelino il fatto di essere tali.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©