Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Intanto il presidente iraniano chiede aiuto all'Ue

Obama: Parole di Ahmadinejad sono "imperdonabili"


Obama: Parole di Ahmadinejad sono 'imperdonabili'
24/09/2010, 20:09

NEW YORK – Le dichiarazioni di Ahmadinejad  sull ’11 settembre sono “odiose ed imperdonabili”. Non usa mezzi termini il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che in un’intervista rilasciata alla Bbc persiana ha anche aggiunto che gli Usa ritireranno a partire da gennaio le truppe ma non abbandoneranno Kabul. Resta così una sorta di stato d’allerta tra le due potenze mondiali, dopo le dichiarazioni di ieri dello stesso presidente iraniano, che aveva affermato come gli Usa avessero messo in scena l'attacco alle Torri Gemelle per invertire la crisi della loro economia, e per salvare il regime sionista. Sempre ieri, Ahmadinejad  aveva anche chiesto all’Unione Europea di fissare una data per la ripresa dei colloqui sulla questione nucleare a Teheran. “L'Ue e' sempre stata pronta al dialogo con l'Iran e continua a esserlo” - ha detto la portavoce di Catherine Ashton, 'ministro degli esteri' Ue-. “Alle parole seguano i fatti".

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©